Ladispoli: Di Benedetto e' il nuovo campione regionale

Scacchi in riva al mare, ma non sotto l'ombrellone! Quello che si è tenuto, infatti, a Ladispoli, da venerdì 15 maggio a domenica 17, non è stato un evento per dilettanti bensì il massimo evento agonistico organizzato dal Comitato Regionale Lazio e dal circolo scacchistico Alvise Zichichi. Si tratta del campionato regionale individuale che ha visto confrontarsi 42 giocatori per un totale di 5 turni.
A vincere è stato il maestro fide marchigiano Piero Bontempi che, con 4 vittorie ed un pareggio, è salito sul gradino più alto del podio. Subito dopo di lui tre giocatori a 4 punti fra cui Edoardo Di Benedetto che, per spareggio tecnico, arriva secondo e diventa campione regionale per il 2015.


Di BenedettoNessuna sconfitta per Di Benedetto, che, dopo aver vinto i primi turni con giocatori a metà del tabellone, ha diviso mezzo punto con la sorella Desirée, vinto in seguito con il maestro marchigiano Matteo Rotoni, e pattato, all'ultimo turno, con il candidato maestro Mauro Scacco.
Peccato che, come spesso accade in questi tornei di 5 turni, il primo e il secondo non si siano affrontati, avremmo sicuramente assistito ad una partita interessante! Tornando alla classifica, ottimo torneo anche per Rotoni che, a parte la sconfitta con Di Benedetto, vince tutti gli altri incontri e si piazza al terzo posto.
Per quanto riguarda, invece, i qualificati alle semifinali, esclusi quelli d'ufficio, sono stati tre i candidati maestri a raggiungere tale traguardo. E, in particolare, Alessandro De Blasio, quarto con 4 punti, Mauro Scacco, ottavo a 3 e mezzo e Pietro Rossi De Gasperis, undicesimo a 3 punti.
Altra performance di livello, è stata sicuramente quella del candidato maestro Orazio Guanciale, quinto, anche lui con quattro punti, che conclude il torneo con una bella patta con il maestro fide Piero Bontempi.
Nona, l'unica donna del torneo, Désirée di Benedetto, che ha dovuto lasciare un punto sul campo proprio contro Guanciale.
Nonostante i 42 giocatori, numero più che dignitoso per un torneo a tempo lungo, rimane un po' di amaro in bocca per la mancanza dei maestri della nostra regione e per la scarsa partecipazione dei classificati ai rispettivi tornei provinciali, come evidenziato dal direttore di gara Manlio Simonini.
Se da una parte è chiaro che ogni giocatore sia libero di scegliere la competizione che più lo soddisfa, d'altra parte un evento del genere dovrebbe essere un appuntamento fisso, e da non perdere, per tutti i giocatori attivi della regione.
Quest'anno gli organizzatori hanno cercato di far leva sui premi, garantendo un montepremi di 1400 euro, e proponendo una soluzione che poteva essere letta dalle famiglie come weekend estivo da passare al mare. Un'altra opzione da considerare, come suggerito dallo stesso Simonini, potrebbe essere l'allungamento del torneo a 7 turni, affinché la possibilità delle norme dia valore aggiunto alla manifestazione.
Nonostante l'assenza di maestri della regione Lazio non sono però mancate partite avvincenti e analisi approfondite, che si sono tenute in un cortile interno della sede di gioco. Oltre alla battaglia per i primi posti assoluti, ha avuto luogo anche quella per i premi di fascia e, come già detto, per la qualificazione alla fase successiva del Campionato italiano assoluto, e cioè le semifinali.
Fra i giocatori da 2001 punti elo a 2200 ad aggiudicarsi il primo premio è stato Orazio Guanciale, mentre la prima nazionale Savino Goller ha primeggiato nel “range” da 1801 a 2000 con 4 punti e Domenico Lattanzi ha vinto nella fascia dei 1601/1800 con 3 punti. Infine, Gherardo Maria Gismondi, è arrivato primo fra i giocatori con meno di 1600 punti con due vittorie, di cui una a forfait.
A garantire il corretto svolgimento del torneo il già citato arbitro internazionale Manlio Simonini, coadiuvato dall'arbitro candidato nazionale Marco Compagno.

 link video: https://www.youtube.com/watch?v=xnhOu9GnFqg